Home > News > L'arte della cucina evocativa di Stendhal

L'arte della cucina evocativa di Stendhal


     Nell'ambito della valorizzazione dei luoghi della cultura e del recupero della memoria storica, tre anni fa sono state istituite le Giornate Stendhaliane Internazionali di Civitavecchia, nel ricordo della permanenza a Civitavecchia di Stendhal, scrittore e console dal 1831 al 1841. Questa è la terza edizione dell'evento, promosso dall'Associazione Culturale Angelo Mori, con il Patrocinio del Comune di Civitavecchia, il contributo dell'Association Stendhal de Grenoble, e con il coinvolgimento della Preside e della vice-Preside dell'Istituto Turistico Alberghiero I.I.S. Viale Adige, che ogni anno ospita una mostra delle opere e delle rappresentazioni dell'Ottocento, per un gemellaggio culturale Civitavecchia-Grenoble.

 

A seguito delle due conferenze, per la contestualizzazione del periodo storico e per la presentazione del legame che univa Stendhal e la petit ville, come egli era solito chiamare Civitavecchia, fulcro dell'evento sarà la presentazione del Menù stendhaliano, giovedì 21 Marzo, a cura dei docenti e degli allievi che hanno partecipato al Progetto, ed in collaborazione con la FIC, nella persona dell'Executive Chef Gianni Bono, attento propositore degli abbinamenti cibo-vino-caffè.

 

L'eredità stendhaliana non è fatta soltanto delle sue opere, dei preziosi marginalia e degli oggetti, custoditi per ben tre generazioni dalla famiglia Bucci, ma si basa soprattutto sulla valorizzazione delle tradizioni, di cui l'autore di Grenoble è stato un vero cultore, e di un percorso virtuoso, di esaltazione della cultura.

 

 

     La rinomata tradizione si ritrova anche nel Menù che verrà presentato, ripreso dalle ricette che Stendhal stesso amava scrivere di persona, e reinterpretato dallo chef Gianni Bono, anche lui cultore della valorizzazione della tradizione dei prodotti del territorio laziale. Gianni Bono ha voluto inserire un caffè della tradizione, ma al tempo stesso innovativo, per le nuove linee Biologiche ed Equosolidali. L'evento, infatti, culminerà con la cena di venerdì 22 Marzo, che terminerà proporio con la degustazione del caffè Haiti Roma.

Il caffè della migliore tradizione sarà inoltre presente per tutto lo svolgimento dell'evento, durante i vari coffee break che si avvicenderanno al ciclo di conferenze.

 

 

 

Per informazioni: info@caffehaitiroma.it, marketing@caffehaitiroma.it

(19/03/2013)

Condividi: